Resta in contatto

Rassegna Stampa

Fermo il rinnovo di Zaniolo. Ma Mourinho pretende una scelta rapida

Lo Special One vuole la rosa al completo a breve

Incontri. Per avere Nicolò Zaniolo, Juve e Milan hanno bussato alla porta della Roma due giorni fa, facendo scendere in campo i vertici di mercato per parlare col g.m. giallorosso Tiago Pinto, con la mediazione dell’agente del calciatore, Claudio Vigorelli. Tutti chiedono tempo. I rossoneri per la transazione societaria, i bianconeri perché alla ricerca di liquidità.

La valutazione che dà la Roma resta intorno ai 60 milioni, ma la chiave può essere quella del prestito oneroso con obbligo di riscatto. A quel punto, davanti al solo contante, non è da escludere che la Roma possa accettare una cifra che per il mercato asfittico della Serie resterebbe importante.

Pensiamo a una soluzione del tipo: 15 milioni per il prestito e 30-35 per il riscatto (magari con bonus), il che consentirebbe di pagare con meno malinconia il 15% sulla plusvalenza all’Inter, come da accordi del 2019.

I discorsi potrebbero cambiare se fossero inseriti dei giocatori nella trattativa, ma quelli che finora hanno proposto i rossoneri (Saelemaekers e Rebic) e gli juventini (Arthur, McKennie, Kean, Ramsey) non interessano tecnicamente e, quelli bianconeri, hanno anche l’handicap di avere ingaggi molto alti. La Roma, poi, deve fare i conti con la fretta di Mourinho. L’allenatore preme la dirigenza per avere la rosa quasi al completo per il ritiro. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa