Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo, vicolo cieco

Nella settimana che porta al raduno (il 4 luglio a Trigoria) Tiago Pinto dovrà accelerare per mettere a disposizione di Mourinho tre calciatori per allungare la rosa

Nella settimana che porta al raduno (il 4 luglio a Trigoria) Tiago Pinto dovrà accelerare per mettere a disposizione di Mourinho tre calciatori per allungare la rosa: CelikFrattesi e Solbakken. Poi ci sarà tempo per il regista, se arriverà, o la seconda punta e molto dipenderà dalla situazione-Zaniolo e dagli eventuali tempi di risoluzione: se si dovesse concretizzare una cessione entro breve, o se il numero 22 comincerà la stagione senza il rinnovo del contratto, cambieranno le strategie.

L’ultima puntata della telenovela, ieri, parlava di una nuova offerta bianconera: Miretti e Vrioni – due giocatori della Primavera – o Moise Kean. La Roma continua a pretendere cash per finanziare il mercato di sua scelta, così si rischia di andare per le lunghe. Per Celik ballano ancora un paio di milioni col Lille, differenza non insormontabile che la Roma prova a superare con alcuni bonus facili da raggiungere.

Su Solbakken, con cui i giallorossi hanno da tempo un accordo, c’è da registrare l’inserimento del Napoli, che deve sostituire Politano: l’ex romanista andrà al Valencia e potrebbe liberare Guedes, obiettivo della Roma. Sul norvegese i giallorossi restano in vantaggio, ma bisogna trovare un accordo col Bodo, con cui i rapporti non sono idilliaci. Con il Sassuolo c’è da colmare una distanza di 6/7 milioni per il cartellino di Davide Frattesi. Per questo la Roma continua a monitorare Houssem Aouar (scadenza 2023), che il Lione valuta più dei 17 milioni offerti.

Il Corriere della Sera 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa