Resta in contatto

Rassegna Stampa

Quando Trigoria deve ricomprare i suoi gioielli

E’ successo con Florenzi e Pellegrini, ora si prevede uno scenario analogo per Frattesi

A volte ritornano. Davide Frattesi, come Alessandro Florenzi e Lorenzo Pellegrini. Prodotti del vivaio giallorosso che la Roma ha dovuto riacquistare dopo averli ceduti per fare cassa. Nel 2012 la prima di queste operazioni scellerate,  quando Walter Sabatini, per riprendere Florenzi, ha dovuto esercitare il controriscatto dell’ex capitano, per un milione e mezzo e la comproprietà dell’attaccante Pettinari.

Lo stesso è successo a Lorenzo Pellegrini. Nel 2015, è stato ceduto a titolo definitivo al Sassuolo per 1,25 milioni di euro, all’età di 19 anni. La Roma si è riservata il diritto di riacquisto, esercitato due stagioni dopo, pagando al Sassuolo dieci milioni.

Ancora il Sassuolo protagonista con Frattesi, acquistato nel 2017 per cinque milioni di euro. La Roma avrebbe potuto riacquistarlo fino alla scorsa stagione, per dieci milioni il primo anno e quindici il secondo. Ma è stato deciso di non esercitare il diritto di controriscatto. Quest’anno, con la definitiva consacrazione del centrocampista nella prima stagione in Serie A e la convocazione in Nazionale, la sua quotazione è salita alle stelle. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa