Resta in contatto

Prima Squadra

Svilar: “Un sogno lavorare con Mourinho. Nessuna rivalità con Rui Patricio”

Le parole del nuovo portiere giallorosso

Mile Svilar ha rilasciato alcune dichiarazioni al termine dell’allenamento pomeridiano ad Albufeira. Queste le sue parole:

Sei tornato in Portogallo, tua seconda casa, e sei stato impegnato una sola volta con un tiro nella ripresa. Come sta andando il tuo adattamento?
“Sono contento di essere tornato, è una seconda casa per me e qui ho trascorso cinque anni bellissimi. Sono concentrato nel fare una buona preparazione. Oggi non è stata una partita complicata per me, ho fatto solo una parata ma questo è il nostro lavoro”.

Cosa significa lavorare con Mourinho?
“È incredibile lavorare con il mister, è un sogno. Sono arrivato in un grande club con grandi tifosi. L’ambientamento procede bene, ci sono diversi giocatori che parlano portoghese, come Ibañez, anche alcuni membri dello staff tecnico e l’allenatore dei portieri Nuno Santos”.

Giocare con i piedi è una tua caratteristica? È una cosa che ti chiede Mourinho?
“Mi chiedono di non fare errori sciocchi, di giocare la palla quando è possibile ma di non correre rischi come è normale che sia. Mi è sempre piaciuto giocare a calcio anche con i piedi da quando sono bambino, è quello che sto cercando di fare. Me la cavo ma ho sempre dei margini di miglioramento”.

Com’è il rapporto con Rui Patricio? Ci sarà una concorrenza forte, pensi ti potrà aiutare? Hai parlato con lui?
“È arrivato solo 2-3 giorni fa, abbiamo avuto poco tempo per parlare, ci siamo allenati insieme soltanto un paio di volte. Non sarà una lotta, ognuno di noi farà il proprio lavoro e del proprio meglio”.

Hai fatto una scommessa con te stesso venendo a giocare in un club dove c’è un portiere titolare nella propria Nazionale? Molti giovani vanno in club dove sono sicuri di giocare.
“Non direi che sia una scommessa né che la scelta più facile sia sempre quella migliore. Come ho detto prima, sono arrivato in un grande club con grandi ambizioni e anche io sono una persona ambiziosa che lavorerà per i propri obiettivi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra