Resta in contatto

Rassegna Stampa

Dybala ai lavori forzati con il sorriso: “Era destino che arrivassi alla Roma”

Le prime parole del talento argentino

È arrivata la firma sul contratto: triennale, con clausola rescissoria “complessa” che comunque tutela anche la Roma, con commissioni contenute nella soglia del 10%. E sono arrivate le prime parole di Paulo Dybala, che ha spiegato la genesi del blitz: “La chiamata del mister, del direttore, aver potuto parlare con i presidenti. Mi hanno dato tante certezze. Mourinho è stato molto chiaro con le sue idee. Giocare per questa squadra è qualcosa di bello. Da avversario ho ammirato l’atmosfera che creano i tifosi, non vedo l’ora di poterli salutare con la maglia della Roma addosso“.

Nell’intervista rilasciata ai social del club, Dybala ha raccontato il legame particolare con Roma: “Mi piace molto questa città. Da bambino vedevo tanti film sui gladiatori. Era destino che dovessi venire qui”.

Immancabile il riferimento alla scelta del numero di maglia: “Avevo parlato con il direttore (Tiago Pinto; ndr) e lui mi aveva proposto la 10, che è molto importante qui per quello che ha fatto Totti. Credo che quel numero e quella maglia debbano ancora essere suoi per ciò che Francesco rappresenta. Servono rispetto e responsabilità per una maglia così. Un giorno magari potrò portarla, ma oggi sono contento di avere il 21 che per me è importante“.

La Joya, adesso, deve recuperare il tempo perduto, non per colpa sua, in questa estate travagliata, dopo la separazione con la Juventus e il naufragio della trattativa con l’Inter. Così, con il sorriso, si è sottoposto a una specie di lavori forzati con un allenamento in solitaria al mattino (sotto gli occhi di José Mourinho) e uno in gruppo al pomeriggio. Alla sessione delle 18, nel ritiro portoghese, hanno voluto essere presenti anche Dan e Ryan Friedkin, che prima avevano salutato l’ufficialità dell’arrivo di Dybala con un post sui loro account: “Chiunque sta meglio con il giallo e il rosso addosso. Benvenuto, Paulo!”.
C’è una gran voglia di vedere Dybala con la maglia giallorossa ma vanno rispettati i tempi giusti per la preparazione atletica del giocatore, che non può (ancora) essere al livello dei suoi compagni di squadra. Per questo motivo è sicuro che Paulo sarà in panchina sabato prossimo, per l’ultima partita del ritiro portoghese, contro il Nizza, ma è probabile che possa giocare solo uno spezzone. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa