Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma-Wijnaldum, c’è la firma: oggi alla corte di Mourinho

Wijnaldum

Ecco il centrocampista orange

Un tulipano in una rosa che ora è da scudetto. Cancellate ogni dubbio, dipanate ogni perplessità: Gini Wijnaldum è un nuovo giocatore della Roma e oggi si prenderà il primo abbraccio di una capitale che non è ancora andata in vacanza del tutto. Dopo lo sbarco sull’aereo dei Friedkin l’olandese si sottoporrà alle visite mediche e domenica sera sarà accolto come un re dai 60 mila e passa dell’Olimpico prima della gara con lo Shakhtar.

Un arrivo clamoroso per la serie A, un’operazione alla Dybala condotta magistralmente dai Friedkin e Pinto che strappano Wijnaldum al Psg in prestito oneroso con diritto di riscatto inferiore ai 10 milioni. Lo stipendio del centrocampista sarà pagato al 65% dai giallorossi (5 milioni), al resto ci penseranno i francesi. Decisiva la volontà dell’ex Liverpool che ha rinunciato a parte dei bonus pur di lavorare con Mourinho.

Wijnaldum è l’elemento di dinamicità e cattiveria che mancava a un reparto già rafforzato da Matic e che vivrà oggi la cessione di Veretout. Il francese andrà al Marsiglia per 10 milioni nonostante i tifosi francesi non gli abbiano perdonato di aver pagato le spese legali del suocero condannato per abusi sessuali sulle figlie.

Ma il capolavoro estivo dei Friedkin non è finito qui. Perché ad ore è attesa anche la fumata bianca per Andrea Belotti. Il Gallo ha detto sì a un biennale con opzione da 3,1 milioni. Lo scrive “Leggo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa