Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pinto scatenato, Zagadou a un passo

Il francese può arrivare da svincolato

Poteva esserci migliore occasione per volare a Londra, per provare a chiudere altre trattative, se non durante lo sbarco di Gini Wijnaldum allo scalo di Ciampino, sommerso dall’amore dei tifosi giallorossi? Evidentemente no, avrà pensato Tiago Pinto. Visto che tutti erano intenti nel tracciare la rotta del jet che portava nella Capitale l’ormai ex calciatore del Psg (indosserà la 25), il gm giallorosso ne ha approfittato per “volare a bassa quota” e dirigersi nel Regno Unito. Con due obiettivi nella testa: cedere un attaccante per far spazio a Belotti e consegnare a Mourinho il quinto difensore centrale.

Ma non solo cessioni, appunto, anche opportunità di mercato sulle quali Pinto sta ragionando da tempo. Ma ora l’affare in questione ha subito una decisa accelerata: importanti contatti nelle ultime ore si sono registrati tra il gm giallorosso e gli agenti Sissoko e Kharja, rappresentanti dello svincolato Dan-Axel Zagadou. Il difensore francese, classe ‘99, è attualmente senza squadra, dopo la fine del contratto che lo legava al Borussia Dortmund. I molteplici infortuni sono stati la causa del mancato rinnovo con il club tedesco e anche la principale ragione per la quale la Roma ha preso tempo per riflettere sull’affare.

Ma la giovane età, il grande talento mostrato in campo, i margini di miglioramento (sia atletici che tecnici), oltre alla sostenibilità dell’affare (sarebbe l’ennesimo parametro zero del mercato giallorosso), lo stanno spingendo prepotentemente verso Trigoria. Le alternative, infatti, stanno perdendo terreno: non convince la formula del prestito oneroso per Bailly chiesta dal Manchester United, nonostante il gradimento di Mourinho, e vengono considerati troppo alti i costi dell’operazione che porterebbe Senesi in giallorosso. Alla luce di questo, l’ex Borussia Dortmund è balzato in pole per essere il rinforzo difensivo chiesto dallo Special One. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa