Resta in contatto

Rassegna Stampa

Regista-trequartista col vizio del gol: Pellegrini è sempre più calciatore totale

Pellegrini, la garanzia giallorossa

Lì al centro, tra i nuovi, che brillano e fanno impazzire i tifosi della Roma, c’è un vecchio ragazzo con la fascia al braccio, che si piazza in mezzo al campo e fa il regista: alla Frank Lampard. Aveva ragione José Mourinho quando disse che tre Lorenzo Pellegrini giocherebbero titolari contemporaneamente nella sua Roma.

Al di là del gol, che apre le danze contro lo Shakhtar, Lorenzo mostra la vena dei giorni migliori: lucido, vivo, decisivo. Lo abbiamo ammirato in mezzo (nel 3-4-2-1), al fianco di Matic, regista più fisico e rubapalloni rispetto a lui, lo vedremo vicino a Wijnaldum, oppure, chissà, con Cristante; o capiterà – come è naturale che sia – di ritrovarlo nel ruolo che adora di più, quello di trequartista, quando Mou deciderà di fare a meno di uno dei suoi tenori offensivi.

Una partita con Dybala (come nel secondo tempo di ieri), un’altra con Zaniolo: Pellegrini ci sarà sempre, questo è certo. Tocca tanti palloni, li telecomanda, poi si ritrova al centro dell’area per colpire e il gol ne è la dimostrazione, quando prende il pallone lui e viaggia insieme con gli altri tre, è uno spettacolo e l’Olimpico si infiamma: sul gol apre e chiude l’azione dopo un rullo di passaggi che comprende nell’ordine Zaniolo, Dybala e Abraham. Anche giocando più basso, non perde il vizio di attaccarsi alla porta. E’ la natura di una vecchia mezz’ala, del resto.

Vogliamo ripartire dall’entusiasmo dello scorso anno verso altre vittorie“, le sue parole prima della festa. Pellegrini era e resta insostituibile, un ruolo Mou glielo troverà. Ci ha preso gusto a vincere, lui che come capitano romano ha avuto la fortuna di alzare una coppa europea, non vuole fermarsi. La stagione è lunga e la Roma è ambiziosa, quest’anno come mai è accaduto negli ultimi anni. Pellegrini è l’uomo in più e il capitano che cuce lo spogliatoio.

Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa