Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Paulo e Giorgino gemelli in campo?

I due colpi in grado di cambiare il volto della Roma

Wijnaldum non è di primo pelo. A novembre compirà 32 anni ma la sua carriera è di fatto cominciata nel 2016, al Liverpool. Per questo è ancora più importante: si presume infatti che abbia energie fisiche e mentali di cui molti suoi coetanei non dispongono più.

Alla Roma che cambia, alla Roma di Dybala, servono come il pane saggezza e movimento in mezzo al campo. E come l’acqua serve la disponibilità (acclarata) di un uomo del calibro di Giorgino Wijnaldum, ormai stabilmente annoverabile tra i centrocampisti completi (ce ne sono pochi in giro). Alla Roma le qualità di Wijnaldum faranno comodo. Wijnaldum è l’unico che in una certa posizione può garantire movimenti “box to box”, nelle quali entrerebbe per istinto, per strategia e un po’ anche per contratto.

Se la Roma intende davvero aspirare al podio in campionato, non può tralasciare l’aspetto più cruciale del calcio: chi segna? Alla Roma non arrivano reti dagli esterni. Non arrivano reti dai centrocampisti.  Qualcosa di più arriva dai difensori su palle inattive, ma non basta.

Ecco perché Dybala e soprattutto Wijnaldum possono diventare le chiavi per aprire una serratura nuova. Ma la Roma ha bisogno di almeno una dozzina di gol. Se Dybala è scontato che segnerà, decisivo sarà il contributo realizzativo di Wijnaldum che, al contrario di Matic e Cristante, sa come funziona, quando c’è da puntare dritto. Perché glielo ha insegnato Klopp. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa