Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, instant team per il sogno scudetto

La Roma ora sogna in grande

Un mercato che non ti aspetti. Meno spendi, più ti rinforzi, di conseguenza si modificano le ambizioni. La Roma dello scorso anno, che al massimo era partita con la speranza di arrivare al quarto posto, ora non c’è più. Il doppio salto arriva la proprietà, che in tempi non sospetti aveva scelto Mourinho. Soli sette milioni fin qui spesi (per Celik), ma scintillante nella sostanza, il sacrificio economico, la Roma, lo ha dovuto fare sugli ingaggi. Il parametro zero ha questo risvolto negativo, ma avere in squadra gente di classe ed esperienza come Dybala, Wijnaldum e Matic ti ripaga della spesa, perché dà modo di poter sognare e di uscire definitivamente dalla prigionia dell’utopia. Pinto ha corso da solo e pian piano è riuscito a sistemare una squadra proprio in base ai desideri di Mou.

La Roma adesso non si nasconde, lo scudetto diventa un obiettivo possibile, cosi come provare a vincere l’Europa League. Obiettivi non certo scontati, ma possibili. Ora si attende lo slancio finale per il definitivo smaltimento della rosa, che come nomi come Diawara, Shomurodov e Kluivert (che sta trattando con il Fulham per l’uscita a titolo definitivo), oltre ai vari Riccardi e Calafiori. Mourinho non ha smesso di chiedere (la rosa è competitiva, non ancora completa) anche se per adesso può dirsi soddisfatto della squadra, che ha in pratica due giocatori per ogni ruolo. C’è solo un rischio: perdere proprio ora Zaniolo, ma a quanto pare Mourinho non è più troppo convinto come poteva esserlo due mesi fa. E ciò che dice lo Special, quest’anno, è diventato legge. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa