Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Le cessioni in stand-by, ora Belotti si complica e c’è il Nizza in agguato

Il Gallo ora è più lontano

L’attesa l’aveva messa in conto, una lunga estate dove cogliere l’occasione giusta e prendere la miglior decisione possibile per la propria carriera. Ma ritrovarsi ancora senza squadra, alla prima giornata di campionato, la riteneva un’ipotesi remota. È invece lo scenario a cui sta andando incontro Andrea Belotti che, dopo sette stagioni vissute con la maglia del Torino, ha deciso di mettere la parola fine a questo legame e tuffarsi in una nuova avventura. Le offerte non sono mancate: Valencia, Monaco e anche un sondaggio dal Canada, con l’FC Toronto che era pronto a formare un tridente offensivo tutto italiano, insieme a Insigne e Bernardeschi.

Ma c’è stata una chiamata che ha azzerato la concorrenza ed è stata quella della Roma. Non un fulmine a ciel sereno, visto che Tiago Pinto aveva offerto un anno fa ben 15 milioni di euro per portare il Gallo a Trigoria. Il gradimento del calciatore fu totale, ma la cifra non fu ritenuta sufficiente da Cairo per portar via il capitano granata. Un anno dopo, Belotti e la Roma sembrano pronte a dirsi di sì, ma prima occorre che qualcuno faccia i bagagli e liberi l’armadietto per far posto al centravanti. E quella che sembrava una formalità, si sta rivelando più complicata del previsto. Soprattutto per chi aveva già immaginato Shomurodov con la maglia del Bologna. L’accordo tra club è ancora lontano e non si sono registrate novità: la Roma vuole un obbligo di riscatto per una cifra molto vicina ai 15 milioni, il Bologna non è disposto ad investire quella cifra. Inoltre sul fronte Felix non si registrano passi in avanti rispetto alle iniziali richieste di informazioni. Il Sassuolo ha pensato al suo profilo, come a quello di Volpato, qualche contatto in più c’è stato con la Salernitana, ma nessuna offerta è arrivata sul tavolo di Pinto. Ma il tempo sta per scadere, i granelli di sabbia presenti nella sua personale clessidra stanno per esaurirsi del tutto. Da registrare che nelle ultime ore è arrivata sul tavolo del bomber azzurro anche l’offerta del Nizza. Lo scrive “La Repubblica”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa