Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Da Lindelof a Zagadou: il last minute

Continua la caccia al difensore

Il mercato giallorosso dovrebbe essere completato dall’arrivo di un altro difensore centrale, anche in questo caso Mourinho ha inviato messaggi inequivocabili alla società. Continuando a giocare con la difesa a tre, avere un solo ricambio (Kumbulla) è un azzardo, considerato che i centrali sono a rischio squalifica, oltre al fatto che possono fermarsi per infortuni.

Nell’agenda di Tiago Pinto ci sono diversi nomi, nessuna pista però è calda e probabilmente si arriverà agli ultimi giorni di mercato per aggiungere il tassello che manca nel reparto arretrato. Non si può pensare che Mancini, Smalling e Ibanez le giochino tutte, con la Roma impegnata su tre fronti, con tante partite da disputare in questa stagione.

Akanji ha 27 anni, potrebbe arrivare a un costo non troppo elevato, considerato che andrà in scadenza l’anno prossimo. L’ex difensore centrale del Basilea è stato offerto a diversi club, perché il Borussia Dortmund ha manifestato l’intenzione di cederlo per evitare di perderlo a parametro zero il prossimo giugno.

Nelle scorse settimane Tiago Pinto aveva anche chiesto informazioni su Dan-Axel Zagadou, francese di 23 anni, che è ancora rimasto senza squadra ma la sua candidatura resta sullo sfondo. Non convince per motivi fisici.

Mourinho conosce bene i centrali dello United, Bailly e Lindelof. Arrivare al primo sembra molto difficile, mentre lo svedese Victor Lindelof sarebbe disponibile al trasferimento, considerato che rischia di giocare poco in questa stagione. Il contratto scade nel 2024, il Manchester lo valuta quindici milioni, ma potrebbe arrivare in prestito.

Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa