Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

Mou non si accontenta: Belotti davanti, Lindelof o Gabriel dietro

Il tecnico vuole ancora due colpi per chiudere il mercato

Josè Mourinho alza l’asticella e non si accontenta:  vuole un centravanti di riserva e un difensore centrale mancino, gli ultimi due tasselli per completare il puzzle che ha in mente. Per l’attacco, Belotti ormai da settimane attende la chiamata definitiva della Roma. Pinto è da ieri a Milano per sbloccare le cessioni propedeutiche all’arrivo della punta che si sta allenando da solo a Palermo. La situazione non è semplice perché il gm romanista si trova alle prese con giocatori difficili da piazzare, come Kluivert e Felix.

Per quanto riguarda il difensore, i nomi sono tanti: Bailly (che però la Roma vuole avere al massimo in prestito) e Zagadou (che è svincolato, i dubbi sono sulle sue condizioni fisiche), e il brasiliano Natan. Le piste che portano in Premier sono quelle che, sulla carta, piacciono di più a Mourinho: i nomi sono quelli di Lindelof dello United e Gabriel dell’Arsenal, monitorato dalla Juventus prima dell’acquisto di Bremer. La Roma sta valutando operazioni in prestito, senza eccessivi esborsi economici: la priorità è snellire il monte ingaggi e piazzare quei calciatori che pesano sulle casse del club per oltre 30 milioni.

Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato