Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo e la Roma sempre più vicini: Pinto incontra Vigorelli a Milano

Il futuro del talento sempre più in giallorosso

Tiago Pinto è al lavoro. A Milano (tornerà stasera), soprattutto per le cessioni, ormai note, che dovranno fare da apripista per l’arrivo di Andrea Belotti, fermo al palo in attesa di una schiarita definitiva. È stata anche l’occasione per incontrare Claudio Vigorelli, procuratore di Nicolò Zaniolo. Contatti così stretti non c’erano da tempo e il tema rinnovo è caldo da un po’, anche se la Roma continua a rimandare tutto a settembre per definire il futuro nei dettagli.

Da un po’ c’è più unità di intenti rispetto a qualche mese fa, quando la questione era stata fatta scivolare, con la consapevolezza di Roma e Zaniolo dei vari rischi all’orizzonte. E infatti è stata un’estate calda, vissuta con la reale possibilità di veder partire Nicolò.

La Roma, di fatto, lo ha blindato alzando molto la richiesta per un suo eventuale trasferimento: i famosi 50 milioni non erano una cifra consona per un calciatore a un anno dalla scadenza e soprattutto per la stagione che aveva disputato, gol in finale a parte, che di sicuro lo ha rimesso al centro delle attenzioni.

La Juve si è timidamente avvicinata ma non ha tentato affondi particolari, ha provato a inserire contropartite, Artur o McKennie, che la Roma ha ritenuto improbabili e ora è tornata a pensarci dopo i tanti infortuni subiti. Il Tottenham si è fatto sotto ma con poca convinzione. Nel frattempo, Nicolò ha ritrovato il sorriso e via via si è (ri)sentito sempre più al centro del progetto Roma.

Ha lavorato molto durante il precampionato, si è fatto trovare in forma e ben intenzionato. Lui voleva il prolungamento del contratto, con adeguamento e la Roma aveva deciso di posticipare il tutto a settembre, qui si era creata la spaccatura: a settembre si parlerà di un quinquennale, con ipotesi di stipendio da big. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa