Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La prima cosa bella: domani la Cremonese, il 30 il Monza. Dal Derby 9 sold out di fila

Domani i giallorossi tornano a giocare in casa in campionato dopo la sosta estiva: ennesimo sold-out per la Roma di Mourinho

La Roma torna all’Olimpico, finalmente, per una partita ufficiale: domani, contro la Cremonese. Sold out, vendita chiusa, biglietti esauriti, un altro pieno di passione. Poco importa se siamo ancora ad agosto.

La Roma di Mourinho tira e non solo perché l’ultimo mercato ha regalato Dybala, Wijnaldum e Matic. Tira ormai dal derby di ritorno: considerando anche il prossimo match casalingo contro il Monza, dal 20 marzo saranno 9 i sold-out di fila. Che sia campionato, coppa o amichevoli, poco cambia. Se poi si aggiunge che quest’anno, oltre all’amore per la squadra, c’è l’aspettativa, allo stadio si va con un pizzico di ambizione in più.

La Roma torna quindi all’Olimpico – Shakhtar a parte – dopo 108 giorni da una partita ufficiale. Era il 5 maggio e lo stadio, tanto per cambiare, era colpo di colori e speranza, perché la Roma si giocava la finale di Conference League nella semifinale di ritorno contro il Leicester. Quella, una sera spot per questa competizione appena nata e poi vinta dai giallorossi.

Magari non tanti hanno fatto caso, invece, che bisogna tornare ad aprile per annotare un successo della Roma in campionato all’Olimpico. Una vittoria soffertissima contro la Salernitana. Era il 10 aprile, si giocava alle 18, allo stadio c’erano 64.266 spettatori. Domani, da quel pomeriggio, saranno passati 133 giorni. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa