Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Troppi stranieri in campo, scatta l’allarme: Gravina vuole cambiare per aiutare Mancini

Il presidente della FIGC pronto ad intervenire

Una lista da modificare per il bene del calcio italiano. Il presidente federale Gabriele Gravina lo ha detto chiaramente parlando del numero abnorme di calciatori stranieri in Serie A nelle prime giornate del nuovo campionato: “Dobbiamo pensare alla lista dei 25 che non sta dando frutti, dovremo metterci mano”. Il numero uno della Figc si riferiva all’elenco che i club devono consegnare prima del via del torneo.

Nel primo turno è andato in campo appena il 31% di titolari convocabili dal ct Roberto Mancini con la maglia azzurra. Su questa percentuale già ridotta gli attaccanti italiani in campo dall’inizio sono stati appena otto, quattro dei quali over 30. Questi dati dimostrano che i club non hanno alcun interesse ad aiutare la Figc in un processo virtuoso che possa invertire la disastrosa tendenza alla base delle due eliminazioni consecutive dell’Italia dai Mondiali.

Qui si inserisce il discorso di Gravina che va nella direzione di una proposta lanciata dall’Aic già dalla scorsa primavera, a poche settimane dal naufragio nello spareggio con la Macedonia del Nord. Il sindacato calciatori ha suggerito di ampliare la riserva azzurrabile dall’attuale 4+4 a 5+5 per arrivare a regime a 6+6. L’obiettivo è quello di rendere non marginale la presenza di italiani in rosa. Attualmente, con otto elementi su 25, è possibile considerarla come un riempitivo per esigenze regolamentari. Lo scrive La Stampa.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa