Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Avanti senza paura. Mourinho: “Gioca Matic al posto di Zaniolo”

Per la Roma primo test contro una grande squadra: Mourinho non si tira indietro

Mourinho non si nasconde. A poche ore dal primo big match della stagione, in programma questa sera alle 18.30 contro la Juventus, lo Special One – alle prese con le assenze di Zaniolo e Wijnaldum – gioca a carte scoperte annunciando la formazione che scenderà in campo dal 1′: “La squadra sarà la stessa schierata contro la Cremonese, con Matic al posto di Zaniolo. Veniamo da due vittorie consecutive ed è un risultato ottimo. Purtroppo gli infortuni ci tolgono delle soluzioni a partita in corso”.

La sfida con i bianconeri in passato ha scaldato l’animo del tecnico e dei tifosi juventini – allo Stadium non è proprio il benvenuto – ma adesso Mourinho vuole affrontarla senza caricare l’atmosfera: “È una grande partita contro una grande squadra che vuole vincere lo scudetto, ma è una delle 38 gare. Per me giocare a Torino alla terza o all’ultima giornata è lo stesso. Sono match difficili ma che ti danno motivazione. Cerchiamo di considerarla in modo equilibrato, è difficile ma vogliamo giocarla“.

Gara che vedrà contrapposte le migliori difese del campionato dopo due giornate (giallorossi e bianconeri sono gli unici a non aver subito gol in Serie A). Il tecnico romanista però puntualizza come i meriti per aver chiuso i match con Salernitana e Cremonese con due clean sheet non siano soltanto di Rui Patricio e della linea difensiva, ma di tutto il gruppo: “Spesso delle squadre che subiscono pochi gol si dice che hanno un bel gioco difensivo, invece di dire che hanno un bel gioco di squadra. Le squadre che prendono pochi gol non sono quelle che difendono bene, sono quelle forti. Non rendiamola una cosa troppo grande perché abbiamo giocato solo due partite. Non significa che noi e la Juve siamo perfetti”.

Se per Mourinho si tratterà di una gara come tutte le altre, difficilmente potrà dirsi lo stesso per Paulo Dybala. La Joya, che ha trascorso gli ultimi 7 anni alla Juventus, prima di tornare per la prima volta da avversario nello stadio che fino a maggio considerava casa sua ha pubblicato una lunga lettera tramite i suoi account social: “Sarà una partita piena di emozioni, tornerò in una città dove ho tanti amici per giocare in uno stadio dove ho vissuto bei momenti e condiviso trofei con i tifosi bianconeri. Questa volta però lo farò con la maglia della Roma e darò il meglio di me per far felice i romanisti. Sono convinto che sarà un grande spettacolo e io darò il massimo per vincere“. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa