Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Attesa Camara, c’è l’Olympiacos da convincere. Ma arriva Belotti

La caccia al centrocampista va avanti: Pinto fa sul serio per Camara

Tutto rimandato: Felix non è ancora un giocatore della Cremonese, Andrea Belotti non è ancora un giocatore della Roma, Mady Camara neppure. E gli esuberi, da Kluivert a Diawara, passando per Calafiori e Riccardi, sono ancora tutti a Trigoria.

Non mentiva ieri Tiago Pinto quando, da Istanbul, dove si trovava con Dan Friedkin per il sorteggio di Europa League, diceva: “Credo di avere ancora qualcosa su cui lavorare“. Qualcosa è, forse, un eufemismo, perché tra entrate e uscite, le situazioni aperte sono tante.

Per prima cosa, la Roma deve chiudere la cessione di Felix alla Cremonese (oggi, probabilmente, le visite mediche) e dare l’ok definitivo a Belotti. Ieri nuovo contatto tra il suo staff e il club giallorosso per mettere a punto tutti i dettagli dopo che, giovedì, c’era stata qualche incomprensione su stipendio e durata del contratto. La base dell’accordo c’è sempre stata, da settimane, i dettagli, che poi dettagli non sono, no. In tarda mattinata tutto è andato a posto e ora l’attaccante può davvero sbarcare.
Altra trattativa aperta è quella per Mady Camara dell’Olympiacos. Il centrocampista, che arriverebbe al posto dell’infortunato Wijnaldum, spinge per lasciare la Grecia e arrivare alla Roma, ma l’accordo tra società non c’è: le due parti condividono l’idea del prestito oneroso da un paio di milioni, poi l’Olympiacos ne chiede altri 13 con l’obbligo di riscatto, Pinto ne offre meno (7-8) e vuole solo un eventuale diritto. Si continua a trattare, il tempo stringe, anche perché manca meno di una settimana alla chiusura del mercato. Lo scrive la Gazzetta dello Sport.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa