Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Punto di svolta: la Roma va sotto ma reagisce e pareggia. È ancora in testa

Dopo anni di dolorose sconfitte, la Roma strappa un punto all’Allianz Stadium: la svolta è targata Mourinho

Un urlo di liberazione atteso per dodici anni. Nello stadio che aveva sempre visto perdere la Roma da quando era stato inaugurato nel 2011 – tranne una vittoria in una partita di fine campionato senza troppo senso – i giallorossi portano via un punto da casa della Juventus. Con fortuna, cinismo, carattere. Ma serviva non perdere la gara che da sempre ridimensionava le ambizioni di vertice e non è un caso che ci sia riuscita la squadra allenata da Mourinho.

Il più onesto alla fine nel riconoscere il “cu.. della mad….” avuto da suoi che hanno chiuso il primo tempo sotto soltanto di un gol, l’allenatore esce dall’Allianz Stadium con la faccia di chi sa quanto sia importante questo pareggio, il primo in 14 gare giocate qui. Per 68 minuti la Roma ha fatto sostanzialmente il solletico a una delle migliori versioni della Juventus 2.0 di Allegri, più pronta da ogni punto di vista.

Dalla punizione sotto al sette dopo appena un minuto di Vlahovic, i bianconeri hanno dominato il primo tempo, segnando anche il raddoppio con Locatelli. Ma è qui che la partita è davvero girata e lo si deve all’esistenza della Var: Vlahovic aveva stoppato di braccio il pallone a inizio azione e la tecnologia ha riportato giustizia cancellando la svista di Irrati.

Ripartiti con un 4-2-3-1, dove il terzino lo ha fatto Zalewski, i giallorossi hanno trovato il pareggio non appena i tre uomini di qualità di cui sopra si sono accesi all’improvviso: corner perfetto di Pellegrini, assist in acrobazia di Dybala e testata di Abraham nella stessa porta dove aveva segnato l’anno scorso, ma un istante dopo che Orsato aveva fischiato un rigore poi sbagliato da Veretout. Lo scrive Il Tempo.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa