Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Da Stroppa all’Atalanta: il calendario fa sognare

Le prossime gare sorridono ai giallorossi

Siamo stati fortunati“, la sentenza di Mou sabato a fine partita, in casa della Juve. Già, ma quel punto lì ha un peso gigantesco, perché permette alla Roma di restare imbattuta, di essersi tolta uno scontro diretto esterno come quello con i bianconeri e di poter affrontare le prossime partite con il vento in poppa. Perché da qui alla sosta la Roma ha un calendario favorevole e queste quattro partire porteranno i giallorossi direttamente al secondo grande big match della sua stagione, quello a San Siro del 2 ottobre (in attesa delle scelte della Lega) contro l’Inter. Mourinho, infatti, martedì sera troverà un Monza che finora ha fatto una fatica pazzesca in questo suo primo approccio con la massima serie, portando a casa tre sconfitte in altrettante partite. Ma, soprattutto, dando la sensazione di una squadra ancora in larga costruzione. Considerando poi il “peso specifico” dell’Olimpico – che sarà ancora sold out, per la sua decima volta consecutiva – è difficile pensare che la Roma possa non uscire con tre punti dalla sfida con i brianzoli.

Poi ci saranno le due trasferte di Udine e di Empoli, sulla carta non impossibili, anche se in mezzo c’è la difficile trasferta di Europa League a Razgrad, nella Bulgaria dell’est, per affrontare il Ludogorets nella prima partita del girone di Europa League. Infine chiusura ancora all’Olimpico, contro l’Atalanta, il 18 settembre, subito dopo il Betis. A conti fatti, un calendario che può portare la Roma anche molto in alto. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa