Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Kumbulla-El Shaarawy: un mese fuori. E ora c’è la grana Kluivert

Un mese fermi ai box dovranno rimanere Kumbulla ed El Shaarawy

Per Mourinho l’inizio di stagione non è stato fortunato: ha perso dopo la prima giornata Wijnaldum, dopo la seconda Zaniolo e ieri Kumbulla ed El Shaarawy. Entrambi i giocatori, usciti dal campo durante la partita contro il Monza, hanno riportato lesioni muscolari.

Al bicipite femorale della coscia sinistra il difensore, al muscolo psoas della coscia sinistra l’attaccante. Questo il responso degli esami strumentali ai quali sono stati sottoposti ieri a Trigoria. Entrambi mancheranno per un mese. Il rientro è previsto per il 1 ottobre in occasione della partita contro l’Inter.

Ma almeno migliorano le condizioni di Zaniolo. Ancora con il tutore alla spalla, martedì l’attaccante era in tribuna all’Olimpico e continua ad allenarsi. Il suo rientro è previsto tra un paio di settimane, per la partita contro l’Atalanta, in programma il 18 settembre.

Martedì sera Mourinho ha ammesso che gli servirebbe un altro centrale nelle ultime ore di mercato, ma è difficile che la Roma riesca a fare un’altra operazione in entrata e l’allenatore ne è consapevole. Soprattutto dopo che è saltato per problemi burocratici il trasferimento di Kluivert al Fulham, che avrebbe portato nelle casse giallorosse circa dieci milioni.

L’ostacolo riguarda l’ottenimento del permesso di lavoro in Inghilterra. Martedì era praticamente fatto tutto. Il club inglese ha chiesto un parere alla Fa e nel pomeriggio ha contattato Trigoria per comunicare che non c’erano più speranze di risolvere la questione.

La Roma si sente parte lesa e ritiene che il Fulham abbia responsabilità nella gestione dell’operazione. Tiago Pinto è stato costretto e prendere in considerazione solo questa trattativa perché il giocatore voleva andare a Londra, anche se erano arrivate richieste anche da Sampdoria, Sassuolo, Galatasaray e Sporting Lisbona.

Lo riporta il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa