Resta in contatto

Le pagelle di Siamo la Roma

PAGELLE – Udinese-Roma 4-0: notte da incubi bianconeri

La Roma crolla alla Dacia Arena

RUI PATRICIO  5

Non può far nulla su Udogie, disastroso sul raddoppio. Dopo l’errore dà l’idea di poter subire gol ad ogni tiro.

Trigoria

MANCINI  5,5

Soffre il dinamismo di Success, schierato a sorpresa al posto di Beto. Sfiora il gol nella ripresa, cogliendo il palo da angolo.

SMALLING  5,5

C’era Southgate ad osservarlo in tribuna per un posto al Mondiale in Qatar. Non la serata migliore per mettersi in mostra.

IBANEZ  5,5

Lotta ma l’Udinese è indemoniata dal punto di vista del ritmo gara.

KARSDORP  3

La sua partita dura 4 minuti. Regala il gol all’Udinese, sipario.

CRISTANTE  5

Lento e poci ispirato, cambiato all’intervallo.

MATIC 6

Tra i pochi che si salvano, tocca un’infinità di palloni e prova in ogni modo a guidare la manovra giallorossa.

SPINAZZOLA  5

Non salta mai Pereyra e sbaglia tanti palloni.

PELLEGRINI  5

Non è serata nemmeno per lui, segnale inequivocabile dell’amara notte friulana.

DYBALA 6

Dopo pochi secondi ha la palla per sbloccare la gara, tante giocate di qualità ma non basta il suo talento per cambiare le sorti della sua partita.

ABRAHAM  5

Vedi Smalling.

BELOTTI  5,5

Un tempo a disposizione, lotta e corre ma poco altro.

CELIK  6

Ci prova, lo fa con convinzione e cattiveria agonistica. Episodio dubbio in area di rigore in un contatto con Becao.

ZALEWSKI  SV

Entra nel finale.

SHOMURODOV  SV

Entra nel finale.

camara

CAMARA  SV

Entra nel finale.

MOURINHO  5

Nulla va per il verso giusto. Serata semplicemente da dimenticare.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamo la Roma