Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ibanez più Matic e super Cristante: ora la Roma è loro

Tre giocatori in forte crescita, tre leader indiscussi dello spogliatoio

Quelli da sempre chiamati a essere i pasdaran di Mourinho, in fondo, sono sempre i soliti. Si va da Rui Patricio a Smalling, dal capitano Pellegrini al vice capitano mancini. Ma qualcosa sta sempre più lievitando nella squadra: la considerazione per Ibanez, Cristante e Matic.

Il brasiliano agli occhi dello Special One sta diventando sempre più affidabile. “È cresciuto moltissimo – ha detto pochi giorni fa il tecnico – diventando un giocatore completamente diverso rispetto a quello visto lo scorso anno. Oltre a difendere bene, adesso non butta nemmeno più la palla in impostazione“.

Cristante è già considerato da tutti a Trigoria come un leader. E adesso il futuro sembra solo giallorosso. Non a caso il general manager Tiago Pinto è già al lavoro per il rinnovo.

Infine Matic, con Mou al Chelsea, poi al Manchester United e ora alla Roma. Il centrocampista serbo è sempre stato considerato un leader nelle squadre allenate dal portoghese, tanto da essere dietro come presenze ai suoi ordini solo a un monumento come Lampard.

Nemanja deve ancora finire di integrarsi in un Paese, un campionato e un gruppo che sta ancora scoprendo. Morale: questa Roma non è ancora la “sua”, ma potrebbe diventarlo, visto che persino a Udine il serbo è apparso fra i meno peggio di una squadra in difficoltà. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa