Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo in campo contro l’Helsinki: “Resto qui e voglio vincere ancora”

Il numero 22 giallorosso a caccia di altri trofei

Difficile immaginare qualcosa a cui Mourinho sia allergico delle conferenze stampe. Chi lo conosce giura che il fastidio palesato dallo Special One, ad ogni occasione davanti ai microfoni, sia reale e non una messa in scena: il suo tenere il conto delle domande è diventato oramai un tormentone.

Curioso vedere affacciarsi da quelle parti uno come Nicolò Zaniolo, alla sua prima conferenza stampa da quando veste la maglia giallorossa. Sono stati loro due i protagonisti della vigilia della delicata sfida di Europa League, in programma questa sera all’Olimpico alle ore 21, con l’Helsinki. Lo Special One non ha chiuso ad una mini rivoluzione, un turnover ragionato in vista dell’impegno di domenica contro l’Atalanta.

Il portoghese ha prima elogiato Pellegrini, poi ha confermato la titolarità di Zaniolo: “Nicolò è stato infortunato senza tranquillità, voleva tornare il più presto possibile, ha lavorato forte con i medici, con i preparatori atletici, perché voleva essere a disposizione. Sono sicuro che sarà ad un livello alto, ha molta motivazione ed è in piena fiducia“.

Per il 22 giallorosso è stata una occasione per far chiarezza sulla complessa estate trascorsa e sui piani futuri: “Sono abituato ogni anno a sentire che devo andare di qua o di là ma resto sempre. Sono più film che fanno la stampa. Per il contratto abbiamo ancora un anno e mezzo per poterne parlare. Siamo una squadra forte, che ogni anno aggiunge un tassello. Possiamo dire la nostra in ogni competizione. Ho avuto la fortuna di vincere un trofeo qui a Roma e voglio vincerne ancora“. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa