Resta in contatto

News

Paulo Sergio: “Contento per la convocazione di Ibanez. Dybala può fare la differenza”

Le parole dell’ex giocatore della Roma

Paulo Sergio è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Centro Suono Sport 101.5 durante la trasmissione Crossover. Queste le sue dichiarazioni:

Segui la Roma? 
“La seguo sempre, la scorsa settimana ho visto Zago sotto la Curva Sud e voglio venire anche io. Penso che Mourinho stia facendo un grandissimo lavoro e la squadra è migliorata molto”.

Ci sono giocatori che ti piacciono? 
“Dybala è fortissimo e può fare la differenza. Sono arrivati tanti ottimi giocatori in estate che hanno bisogno di un po’ di tempo per ambientarsi. La piazza di Roma è sempre particolare, è splendida”.

Ibanez? 
“Mi ha sorpreso molto la sua convocazione, ma ha fatto molto bene e sono stato contento che lo abbia chiamato. È stato valutato attentamente dallo staff e sicuramente questa convocazione gli farà molto bene”.

Ti sorprende che ci siano pochi brasiliani nella Roma attuale? 
“Nella mia Roma c’erano dei giocatori fortissimi che poi sono diventati campioni del mondo. Ci sono tanti talenti interessanti in Brasile come Marcos Leonardo o Angelo del Santos; adesso però è difficile prendere calciatori così giovani perché hanno bisogno di tempo”.

Qual è il ricordo più bello che hai a Roma? 
“Il gol con la Juve è il ricordo più bello che ho: abbiamo vinto una grande partita. L’altro è chiaramente contro il Milan che era una squadra forte: abbiamo vinto, ho segnato e ho fatto il balletto. La mia Roma era già forte e quel gruppo poi ha vinto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News