Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Wijnaldum in Giappone: la Roma ora ci spera

L’olandese sta recuperando dall’infortunio. Si spera che rientri nella tournè in Giappone

Tiago Pinto si è concesso qualche giorno di vacanza in Portogallo, approfittando della pausa per le nazionali. Ma si sta tenendo informato su tutte le novità che riguardano i giocatori della Roma, in particolare Georginio Wijnaldum che sta trascorrendo il primo periodo di convalescenza in Olanda.

Secondo il programma stabilito un mese fa, dopo il tremendo infortunio alla tibia, un controllo clinico e strumentale è previsto entro cinque-sei settimane dall’incidente. Quindi Wijnaldum presto tornerà a Roma perché lo staff medico possa valutarne i progressi. Wijnaldum sfrutterà proprio la sosta autunnale per rimettersi in forma e diventare il principale rinforzo della Roma a gennaio, a quasi cinque mesi dallo scontro fatale avvenuto in allenamento con il giovane Felix.

Se potesse rientrare subito dopo il Mondiale, Wijnaldum vedrebbe ancora davanti a sé 23 partite di campionato più almeno una di Coppa Italia e, auspicabilmente, almeno un altro paio di Europa League. Avrebbe insomma il tempo di lasciare il segno nella Roma, in attesa che il suo futuro venga discusso con il Paris Saint-Germain: secondo gli accordi estivi, il diritto di riscatto a circa 10 milioni a favore della Roma è libero. Ma è possibile che i club decidano di negoziare una cifra o una formula differente: in fondo Wijnaldum, classe 1990, è ancora sufficientemente giovane per meritare nuove possibilità.

Intanto Mourinho spera di portarlo in Giappone, dove la squadra giocherà una tournée a novembre per non spezzare il ritmo tra il torneo di apertura e quello di clausura. Coinvolgerlo nel gruppo, che ha appena conosciuto, servirà a velocizzare l’integrazione definitiva. Per Gini non sarebbe come partecipare al Mondiale con l’Olanda, un obiettivo dolorosamente sfumato, ma un palliativo che aiuterebbe a ritrovare la condizione.

Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa