Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

La Roma punta sulla sostenibilità: ecco tutte le iniziative per i tifosi

Dopo l’annuncio della collaborazione con la Uefa, il club si prepara a definire le linee guida del programma di sostenibilità: i tifosi saranno al centro del progetto

Questo quanto comunicato dalla Roma sul proprio sito in merito al programma di sostenibilità pattuito con la Uefa e che vedrà protagonisti i tifosi giallorossi:

Come già accaduto in passato, anche questa volta il Club giallorosso coinvolgerà i propri tifosi con l’intenzione di costruire, anche insieme a loro, una agenda di sostenibilità solida e trasparente, che ruoti intorno ai grandi temi del rispetto dei diritti umani e dell’ambiente, l’aiuto sociale e l’inclusione.

I tifosi romanisti potranno collaborare con la AS Roma rispondendo alle domande di un sondaggio che verrà loro inviato, permettendo così alla Società di perimetrare al meglio priorità, aspettative e necessità dei propri sostenitori.

Un albero a Roma, un albero a Siviglia

In Roma-Real Betis i supporter giallorossi potranno già toccare con mano alcune iniziative che viaggiano nella direzione di un Club sempre più socialmente responsabile ed ecosostenibile.

Nella giornata di oggi, 5 ottobre, nella splendida cornice di Villa Mazzanti, l’AS Roma e il Real Betis hanno preso parte alla piantumazione simbolica di un albero.

Un evento, organizzato in collaborazione con RomaNatura, che rappresenta un momento di amicizia tra i due club che condividono gli stessi valori sui temi della tutela dell’ambiente e l’impegno nel sociale. In occasione della gara di ritorno i due Club si incontreranno nuovamente per piantare un albero nella città di Siviglia.

Il desk di “Superiamo gli ostacoli”

All’ingresso della Tribuna Tevere verrà disposto un desk dedicato ai tifosi con disabilità, dove ai tifosi ipovedenti e non vedenti saranno consegnati dei dispositivi che consentiranno loro di ascoltare la radiocronaca del match.

L’iniziativa, che si somma a quelle già varate nei mesi scorsi, rientra nell’ambito del progetto solidale “Superiamo gli ostacoli”, che offre un servizio di accompagnamento da e per lo Stadio Olimpico in occasione di tutte le gare casalinghe.

Le bandiere anti-inquinamento

Durante il riscaldamento delle squadre e per la prima volta su un campo da calcio, gli sbandieratori utilizzeranno per l’occasione 16 grandi bandiere realizzate con un innovativo materiale a impatto zero, che grazie alla sua struttura fibrosa, intrappola le molecole inquinanti di ossido di nitrogeno presenti nell’aria e ne impedisce il rilascio. Dopo l’utilizzo, le bandiere continueranno a sventolare e a purificare l’aria presso il centro sportivo di Trigoria.

L’economia circolare in area ospitalità

Le iniziative proseguiranno all’interno dello Stadio Olimpico, in particolare nelle aree hospitality dell’impianto. Qui gli ospiti potranno assistere alla realizzazione di un’opera d’arte a tema giallorosso composta solamente da oggetti che hanno ormai perso la loro originaria funzione, tra i quali materiale sportivo proveniente da Trigoria. L’opera, che vuole ribadire il concetto di economia circolare per il quale oggetti in disuso dallo sport possono essere risorse per altre attività, verrà poi messa all’asta e il ricavato devoluto in beneficenza.

Durante la partita contro il Real Betis, verrà servito un menù a basso impatto ambientale con prodotti stagionale e locali. Come in tutte le partite in casa, dall’inizio del campionato. Tutte le eccedenze saranno recuperate e donate attraverso ACLI Provinciali di Roma che individuerà l’associazione cui far riferimento per la distribuzione del cibo.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News