Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho si fida del Gallo per l’Europa

Altra occasione dal primo minuto in coppa, altra chance da sfruttare per il Gallo. Va verso la titolarità all’Olimpico

Andrea Belotti domani si riprenderà il posto da titolare per continuare a ritagliarsi sempre più spazio all’interno della Roma. Il centravanti è stato scelto da Mourinho per giocare dal primo minuto nella partita di Europa League contro il Betis Siviglia.

Attenzione, non una scelta che sminuisce il valore della partita, ma una decisione presa anche in virtù del lavoro quotidiano di Belotti e al bisogno di gol da un centravanti. E in questo momento il digiuno di Abraham ha portato Mourinho a scegliere l’ex Torino per guidare l’attacco, o eventualmente affiancare l’inglese per cercare di dare ulteriore peso al reparto offensivo. Fatto sta che Belotti sta diventando sempre più l’uomo di coppa.

Non poco vista l’importanza che ha l’Europa League per Mourinho. E questo è stato anche un degli argomenti del colloquio che il tecnico e l’attaccante hanno avuto prima della firma sul contratto: l’Europa League si gioca per vincere, ogni partita è decisiva per arrivare in fondo e non va sottovalutata. Una buona notizia per il Gallo che aveva bisogno di rassicurazioni sul minutaggio che avrebbe avuto in stagione.

Il Belotti europeo ha lo stesso valore dell’Abraham di Serie A, anzi, in questo caso anche maggiore vista l’importanza della gara contro la squadra di Manuel Pellegrini. Guiderà l’attacco da titolare per la terza volta consecutiva in Europa League. Contro l’Helsinki si è mosso bene, ha lavorato molto per la squadra sia in fase di impostazione sia di rottura del gioco avversario. Insomma, Belotti aveva tanta voglia di giocare all’Olimpico e di dimostrare di poter essere utile alla causa giallorossa. Alla fine ha trovato anche il gol liberatorio dopo una stagione al Torino tormentata dagli stop fisici.

Si legge sul Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa