Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, per volare c’è l’effetto Olimpico

Quasi 130 mila tifosi per le sfide contro il Betis e contro il Lecce. L’ondata giallorossa può essere decisiva prima del Mondiale

Solo posti in piedi nel Paradiso dell’Olimpico: non c’è speranza di trovare un seggiolino vuoto quando la Roma gioca in casa. Restano a disposizione solo una manciata di biglietti per la gara di domani sera contro il Betis (praticamente sold out) e qualche tagliando premium per Roma–Lecce di domenica.

Saranno quasi 130 mila i giallorossi allo stadio per due partite giocate a 72 ore di distanza, un dato che permette alla società di fare letteralmente “13!”, come si usava dire col vecchio Totocalcio; tredici come le gare consecutive – la prima fu il derby del marzo – con l’impianto esaurito.

Normale, a questo punto, immaginare di aumentare la capienza del nuovo stadio a Pietralata dai 55 mila pensati in origine ai 65 mila messi “nero su bianco” dai Friedkin nel progetto.

L’ondata di passione giallorossa potrebbe rivelarsi decisiva da qui alla sosta Mondiale. Tra campionato e coppe, su 11 partite la formazione di Mourinho ne giocherà 6 in casa: Roma-Betis di domani, poi Roma-Lecce di domenica sera, Roma-Napoli (23/10), Roma-Lidogorets (3/11), Roma-Lazio (6/11) e Roma-Torino (13/11). L’obiettivo è portare a casa un bottino il più possibile pieno per avvicinare i primi posti e arrivare al giro di boa nella parte altissima della classifica.

Si legge sul Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa