Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

In arrivo quattromila ultrà, è allarme per Roma-Betis

Oltre 4000 tifosi del Betis in arrivo nella Capitale

L’allarme risuona forte già da diverse settimane. L’arrivo degli ultras del Betis Siviglia a Roma preoccupa, e non poco, le forze dell’ordine. Sono circa 4000 gli spagnoli che tra ieri e oggi hanno invaso la capitale. Dalla Spagna nei giorni scorsi è arrivata l’informativa alla Questura di Roma sulle frange più pericolose del tifo andaluso. I Supporters Gol Sur, lo zoccolo duro della tifoseria Verde-blancos, sono a Roma già da ieri. Quello che più spaventa la Prefettura sono le possibili saldature con gli ultras della Lazio. A legarli c’è in primis la fede politica: entrambe le tifoserie sono di estrema destra. Ma la preoccupazione affonda le radici nel 2019, a febbraio di quell’anno i laziali giocarono a Siviglia, in Europa League, contro il Siviglia.

In quell’occasione i tifosi del Betis diedero appoggio logistico agli Irriducibili. Dopo una caccia durata tutta la notte precedente, diversi incidenti si verificarono poche ore prima del fischio d’inizio della partita. I laziali furono attaccati durante il corteo per recarsi allo stadio. Gli ultras del Betis sono conosciuti in tutta Europa: l’anno precedente diedero vita a pesanti incidenti a Milano contro i tifosi rossoneri, con dieci tifosi denunciati e sottoposti a daspo europeo. Ecco perché già da ieri tutti i luoghi più caldi sono stati presidiati, in particolare il pub vicino al Colosseo dove si ritrovano le tifoserie straniere in trasferta a Roma. Possibili chiusure in zona Olimpico già dal primo pomeriggio, con i cancelli che saranno aperti dalle 18:30. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa