Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, la tentazione di Mourinho: riprovare a vincere la Conference

La terza competizione europea potrebbe diventare un orizzonte allettante. Ma per lo Special One è solo un piano B

E se José Mourinho provasse a vincere ancora la Conference League? La sconfitta della Roma contro il Betis, in casa propria, cala il sipario sulla possibilità per i giallorossi di vincere il girone di Europa League. E questa non è una buona notizia. Perché chi arriva secondo nel gruppo deve sfidare in un playoff invernale una delle squadre eliminate dalla Champions.

Attualmente però la Roma è terza nel girone di Europa League. E dalla stagione scorsa, le terze “retrocedono” nella terza coppa europea. Sì, la Conference League, la coppa vinta un anno fa e oggi tatuata sul braccio dello Special One. Il paradosso è che, quando la giocava, per motivare i suoi giocatori diceva: “Dobbiamo arrivare noi in finale perché la nostra coppa, non di chi è sceso dall’Europa League“.

Oggi potrebbe diventare un orizzonte allettante per non interrompere la striscia di successi. Anche se José non vuole ammetterlo, anzi fa capire che sia più che altro un piano B: “Se andiamo in Conference andiamo per vincerla di nuovo, ma questo non è l’obiettivo, l’obiettivo è continuare in questa competizione“.

In realtà, oltre al valore sportivo, c’è anche una questione economica. Perché già soltanto oggi, se la Roma arrivasse seconda e fosse impegnata negli spareggi di Europa League, incasserebbe un milione in più rispetto a finire terza. Non solo. Vincere l’Europa League vale, mediamente, una decina di milioni in più rispetto a vincere la Conference: 6,5 milioni soltanto per i premi legati al passaggio dei turni eliminatori. Più una discreta differenza nel market pool: 10-12 milioni per chi arriva in fondo alla seconda coppa europea, solo 6-8 se vinci la Conference. E non sono pochissimi.

Si legge su repubblica.it.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa