Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Rigo (ex resp sanitario Juve): “Infortunio di Dybala da trattare con grande prudenza e pazienza”

Parla Rigo, l’ex responsabile sanitario della Juve, parla dell’infortunio di Dybala

Dybala, arrivederci a gennaio. La Roma è costretta a fare a meno dell’argentino per una lesione muscolare importante e che dovrà essere trattata con “prudenza e pazienza”. Ne parla il dott. Rigo a “Il Corriere dello Sport”.

Dottor Rigo, partiamo dal tipo di lesione.

Il retto femorale è uno dei muscoli più delicati da trattare quando vengono lesionati, perché è un po’ “traditore” insieme al bicipite femorale e ai gemelli. Sono tre gruppi muscolari con i quali bisogna usare la maggior accortezza e attenzione nella fase di recupero senza affrettare nulla perché il rischio delle ricadute è sempre dietro l’angolo. Sono lesioni delicate che richiedono prudenza e pazienza. Per le lesioni di grado minimo occorre soltanto la fisioterapia, per le lesioni di maggiore importanza – quindi per avere una guarigione migliore per la cicatrice, e per accorciare i tempi di recupero – può essere utile l’iniezione di PRP.

Cosa sono i PRP?

Un plasma ricco di proteine: si preleva del sangue al paziente, si centrifuga, si prepara e poi il plasma ricco di piastrine viene iniettato nella zona della lesione. Ma bisogna stare attenti a non iniettarne troppo o a iniettare dei PRP che potrebbero dare uno stimolo troppo spinto alla rigenerazione cicatriziale e che poi potrebbe dare una cicatrice dura e fastidiosa. PRP sì, ma fatti da mani esperte.

È normale vedere questo tipo di lesione anche quando si batte un calcio di rigore?

Sì, è possibile infortunarsi quando si batte un rigore perché la biomeccanica del calcio comporta la estensione dell’anca, quindi andare indietro, poi il calcio del pallone fa contrarre il retto che prima si era allungato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa