Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho, resta il secondo posto: “Questo pareggio è vita”

Le parole del tecnico giallorosso

La Roma pareggia 1-1 a Siviglia col Betis e resta in corsa per il passaggio del turno e padrona del suo destino. Il primo posto nel girone è ormai irraggiungibile, per il secondo servono due vittorie contro Ludogorets (se batterà il Betis) e Hjk Helsinki. Mourinho ha avuto dalla squadra le risposte che aspettava, compreso il ritorno al gol degli attaccanti. Lo Special è stato protagonista in occasione del pari del Gallo, esultando a braccia alzare ancora prima dell’ufficialità della convalida del gol: la coppia Belotti-Abraham, però, lo ha convinto solo a metà.

Nel primo tempo – le parole del tecnico portoghese – sono stati un disastro, non hanno fatto quello che gli avevo chiesto e sono tornati in campo con le orecchie rosse perché ho strillato tantissimo negli spogliatoi“. Una strigliata che ha avuto il suo effetto: “Nel secondo tempo sono stati fantastici, non per il gol ma per le soluzioni: non hanno perso la palla, hanno giocato in profondità e hanno lavorato per la squadra. Il secondo tempo mi è piaciuto tanto. Se continuerò con due attaccanti Zaniolo può giocare come quinto a sinistra“. La buona notizia è che la Roma ha giocato alla pari e con personalità su un campo complicato come quello del Betis. “La partita ci ha messo una grande pressione, non era una gara da girone ma da eliminazione diretta perché se avessimo perso saremmo stati fuori. Abbiamo meritato il pareggio che per noi è vita”. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa