Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

A Genova Mourinho torna all’antico e per i gol conta su Abraham e Zaniolo

Mourinho sfida Stankovic e punta su Abraham-Zaniolo

“Ora tocca a voi”. Le raccomandazioni sono finite, le statistiche devono essere aggiornate: Mourinho vuole rovinare la “prima” dell’allievo Stankovic a Marassi, ma per farlo ha bisogno dei gol di Zaniolo e Abraham. In assenza del genio calcistico di Paulo Dybala (5 reti in 8 apparizioni in Serie A), occorre che i due, assoluti protagonisti nella cavalcata che ha portato la Conference League nella bacheca di Trigoria, tornino ai loro livelli.

Lo Special One si augura che la sfida con la Sampdoria (fischio d’inizio alle 18.30) possa rappresentare l’occasione giusta. Nicolò è nato a Massa, cresciuto a La Spezia e ha dato i primi calci ad un pallone a Chiavari. A Genova invece è nato, e ha giocato con la maglia del Grifone, papà Igor. La Liguria, insomma, è casa sua e va a caccia del primo gol al Ferraris.

Non ha origini liguri Abraham, ma le sembianze “Britis” dell’impianto genovese dovrebbero farlo sentire a casa. Il momento non è dei migliori, il bottino dei gol siglati in campionato rimane magro. E se lo scorso anno non aveva concorrenza, ora il Gallo Belotti sgomita e chiede spazio: un allenatore scaramantico lo metterebbe in campo solo per lo score con la Sampdoria (9 reti in 15 gare), Mourinho ci riflette ma sembra orientato a confermare l’inglese dall’inizio.

Giallorossi in campo con il 3-4-2-1: davanti a Rui Patricio, spazio per Mancini, Smalling e Ibanez (Kumbulla out per precauzione). Sulla destra Zalewski, in mediana Matic, che ha smaltito il problema alla caviglia, farà coppia con Cristante (Camara primo cambio) mentre sulla sinistra El Shaarawy e Vina si giocano una maglia (Spinazzola verso la panchina). Infine Pellegrini torna vicino a Zaniolo dietro la punta. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa