Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

In attacco tre uomini per due posti. Karsdorp ok ma andrà in panchina

Mourinho dovrà sciogliere un ballottaggio in attacco e uno a centrocampo

Dentro Karsdorp e fuori Kumbulla. C’è di nuovo l’esterno olandese tra i partenti giallorossi per Genova, ma Mourinho non è riuscito a recuperare il difensore albanese, già out a Siviglia dopo l’affaticamento muscolare accusato nella rifinitura prima del match con il Betis. Non avrà molte scelte il tecnico portoghese, che nel decidere la formazione da mandare in campo oggi pomeriggio contro la Sampdoria avrà al massimo un paio di dubbi: il più importante riguarda la composizione del reparto offensivo, con uno tra Abraham, Belotti e Zaniolo destinato a rimanere fuori dall’undici di partenza.

L’altro ballottaggio in mezzo al campo, dove Mou potrebbe dare continuità alla buona prova in coppa di Camara. A fargli spazio dovrebbe essere Matic, con Cristante centrale e Pellegrini libero di fare il pendolo tra la mediana e la trequarti. Sulle fasce la certezza è Zalewski, che sarà confermato a destra con Karsdorp che partirà dalla panchina, sulla fascia opposta Spinazzola è favorito su Vina. Con la squadra è partito anche Benjamin Tahirovic, centrocampista della Primavera alla sua prima chiamata coi grandi. Classe 2003, lo svedese ex Vasalund è arrivato a Trigoria nel febbraio del 2021 e la scorsa estate ha rinnovato il suo contratto fino al 2026.

Lo scrive Il Corriere della Sera

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa