Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il dubbio di Mourinho: uno fra Belotti, Abraham e Zaniolo deve partire in panchina

Dubbi di formazione per Mourinho

Difendersi bene contro il Napoli di Spalletti sarà difficile e fondamentale.Ma per batterlo qualcuno dovrà segnare. Sarebbe arrivato il momento che lo facessero gli attaccanti, il oro gol sono i veri “grandi assenti” di questo avvio di stagione per la Roma. Da Abraham a Zaniolo, passando per Belotti, El Shaarawy e  Shomurodov, Mourinho fa bene a pretendere di più da tutti loro. A maggior ragione ora che manca Dybala.

Il principale dubbio di formazione riguarda proprio il reparto avanzato, dove dovrebbero esserci solo due posti disponibili per Zaniolo, Belotti e Abraham. Sia se il tecnico insistesse sul 3-5-2 proposto nelle ultime due partite -in quel caso Camara potrebbe insidiare Matic – sia se dovesse tornare al modulo con due mediani e tre giocatori d’attacco, con Pellegrini a quel punto avanzato, qualcuno di loro resterà fuori.

Le scelte più recenti possono aiutare a entrare nei pensieri di Mourinho. Zaniolo è partito in panchina a Genova ed era squalificato a Siviglia, Abraham ha iniziato in panchina le sfide con Lecce e Inter, Belotti quella di Milano e la gara d’andata con gli spagnoli in Europa. Da quando Dybala è indisponibile, quindi, il Gallo ha sempre giocato titolare e punta a farlo anche domenica contro il Napoli, cercando di sfruttare la sua condizione fisica nettamente migliorata dopo l’ultima sosta.

A quel punto Mourinho dovrebbe valutare qual è la fase migliore della partita per sfruttare la fisicità di Zaniolo. E non è affatto escluso che stavolta lo butti dentro dall’inizio, dopo averlo coccolato – non casualmente – nel post-partita di Marassi. L’ultimo gol segnato all’Olimpico in campionato da Nicolò risale proprio a un Roma-Napoli del 2019, prima dei due infortuni al ginocchio e di una imprevista difficoltà nel ritrovare confidenza con la porta. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa