Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo deve riscattarsi: Mou punta sulla sua forza per fare la differenza

Zaniolo pronto a partire titolare: Mou punta su di lui

Palla alta da sinistra a destra, una sorta di palombella su cui Nicolò non esita un attimo: coordinazione perfetta, calcio al volo di sinistro a mezza altezza e palla sotto l’incrocio opposto, con il “povero” Boer impossibilitato a fare qualsiasi cosa.

Se qualcuno aveva dubbi sulla carica emotiva ed agonistica di Nicolò Zaniolo, quel gol segnato ieri in allenamento basta a spazzarli via tutti. Un piccolo grande capolavoro, un condensato di coordinazione, destrezza e qualità tecnica. Zaniolo si sta preparando così alla sfida di domenica sera, quella con il Napoli, dove dovrebbe ritrovare la maglia da titolare.

Il condizionale è d’obbligo, visto quanto successo anche a Marassi. Ma le sensazioni vanno tutte lì, in quella direzione. Con Zaniolo in campo, pronto a disinnescare il ciclone Napoli ed a lanciare definitivamente la sua Roma verso la vetta.

Mourinho conosce bene il suo potenziale e la sua forza d’urto. Ed infatti anche ieri ha provato il 3-5-2 (già utilizzato in casa del Betis Siviglia ed a Genova, contro la Sampdoria), ma stavolta accanto ad Abraham non c’era Belotti, bensì proprio Zaniolo. Che domenica dovrebbe giocare proprio così, da seconda punta, magari sfalsato rispetto a Tammy ma pronto a dargli assistenza in qualsiasi momento della partita. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa