Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’urlo di Osimhen. Napoli inarrestabile anche per Mou

Spalletti sfata il tabù. Dal cambio di Abraham la Roma si consegna all’avversario

Il nastro e la carta erano già stesi intorno alla preda. Mancava solo il fiocco a Josè Mourinho per annodare il Napoli in un nuovo pacchetto: come un anno fa, stessa partita, stesso identico copione e medesimo risultato. E invece no. Stavolta la bellezza non è rimasta intrecciata nelle maglie del risultato ad ogni costo. Ma s’è manifestata radiosa in un tuono che ha fatto sussultare anche lo stadio Olimpico. Alla fine il tabù è crollato. Spalletti ha battuto Mourinho per la prima volta dopo sei tentativi andati a farsi benedire: la prima volta, era il 2008, gli costò la Supercoppa italiana, che la sua Roma perse ai rigori. L’ultima, un anno fa al “Maradona”, fu forse la vera resa in un campionato a velocità alternata. Ora l’allenatore del Napoli si è preso la vittoria più importante del suo campionato. Perché, con il ko dell’Atalanta, segna il primo, vero allungo in classifica: più tre punti sulla seconda, quelli presi nello scontro diretto col Milan secondo a San Siro. Perché sono 11 vittorie di fila (tra campionato e Champions), come nel 1986, all’alba del primo scudetto.

E perché la squadra di Spalletti ha dimostrato di saper vincere anche quando non irradia luce abbagliante: aveva segnato 20 gol nelle ultime 5 partite. Ne è servito uno più pesante di tutti quelli messi insieme, per questo 1-0. Contro una Roma che aveva una sola strategia: mettere le ganasce alle macchine da gol del Napoli. Mourinho, dopo aver ripetuto alla nausea che la sua non è una squadra difensiva, ha deciso preventivamente di rinunciare completamente alla possibilità di fare un gol. Nemmeno un tiro in porta, vuol dire l’applicazione sistematica di una strategia precisa, portare l’avversario su un terreno inadatto alle sue gomme. I 9 ammoniti della partita sono la denuncia di una scelta consapevole. Con l’unica variazione sul tema affidata al lancio per Zaniolo: la sua sfida con Juan Jesus è tutto ciò che ha alimentato timide speranze per nella Roma incapace di segnare da quando non ha più Dybala: quell’abbraccio nel tunnel tra i due è sembrato l’incrocio dei guantoni fra due pugili prima del gong. Ma quando ha sostituto Abraham, Josè ha praticamente tolto al chiave di sicurezza alla serratura che aveva costruito: da quel momento, la sua squadra s’è letteralmente consegnata, incapace di tenere più un pallone.

Lo scrive La Repubblica

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa