Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

È Roma senza Joya. Dai gol agli assist: solo con Dybala Mou da Champions

Solo con Dybala una Roma da Champions

Quantità e qualità, nella vita, a volte non possono bastare. Paulo Dybala ha meritato tutto l’affetto dell’accoglienza dei tifosi al suo arrivo non solo dinanzi a un dato tecnico, che racconta di 7 gol e 2 assist in 796 minuti giocati, ma anche per la leadership che da subito ha esercitato sul gruppo. Come dire, i vincenti aiutano la squadra a essere vincente. E di sicuro vorrebbero continuare a esserlo, a costo di cambiare rotta. Il calcio di rigore decisivo segnato dalla Joya contro il Lecce, però, sta sembrando sempre di più il punto di svolta della stagione giallorossa. La lesione del secondo grado (diagnosi mai uffìcializzata dalla società) al retto femorale della coscia sinistra ha tolto di scena l’attaccante argentino per la Roma fino a gennaio, mettendo anche a rischio la sua partecipazione al Mondiale.

Ma se il commissario tecnico Scaloni in attacco ha tante scelte, qualora malauguratamente Paulo non dovesse farcela, quello che gli attaccanti della Roma stanno dimostrando in assenza della stella del reparto è assai modesto. Basti pensare che in campionato, fra tutte le punte, ha trovato la porta solo Abraham con la miseria di due gol. Tutti gli altri – Belotti, Zaniolo, El Shaarawy e Shomurodov – sono fermi a quota zero, mentre in Europa League l’ex attaccante granata ha realizzato due reti in Europa League e Shomurodov una. È abbastanza per dire che finora il reparto offensivo è stato Dybala-dipendente? Forse sì, visto che adesso quello giallorosso è appena l’ottavo attacco del campionato.

Dybala, alle prese con l’infortunio che mette in forse il suo viaggio in Qatar. Se con la Roma l’appuntamento in partite ufficiali sarà solo per il 2023, tutto lo sforzo dell’attaccante argentino è focalizzato al Mondiale. La Joya sta facendo qualsiasi cosa per recuperare, con lunghe e impegnative sedute quotidiane volte ad accelerare il suo recupero. Ma oltre al futuro prossimo c’è anche quello a più lunga scadenza. Senza qualificazione in Champions della Roma si aprirebbero degli scenari difficili da immaginare in questo momento. Intendiamoci, l’attaccante argentino a Roma sta benissimo, ma nel suo contratto c’è una clausola di rescissione che, pagando una cifra oscillante tra i 15 e i 20 milioni, consentirebbe alla Joya di liberarsi per cercare gloria altrove. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa