Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Cristante, quel ponte tra Verona e il futuro

Avversario speciale per il centrocampista. Pinto intanto tratta il rinnovo con l’agente

Insostituibile e inossidabile. Con 1.335 minuti già nelle gambe, Bryan Cristante sale sul tappeto dei ricordi: proprio a Verona debuttò in Serie A 9 anni fa, con la maglia del Milan, sostituendo Kakà all’86’. Ci torna stasera da leader del centrocampo della Roma, poco dopo aver smaltito il fastidio all’occhio che era stato provocato da un contatto proibito a Helsinki, decisivo per l’annullamento del pareggio finlandese. Ci torna con lo status di giocatore irrinunciabile, per la Roma come per la Nazionale, nel periodo in cui il suo agente sta definendo con Tiago Pinto il rinnovo del contratto. Durante la pausa dei campionato potrebbe essere annunciato il prolungamento fino al 2027 che porterà a guadagnare circa 3 milioni netti a stagione. 

Sta andando tutto come sempre. Per lui è diventata un’abitudine della quella scherzare nello spogliatoio. All’inizio della stagione Cristante non viene mai considerato un titolare, ma poi è uno di quelli che giocano di più, e non il primo della lista. Nonostante l’arrivo di un autorevole concorrente come Matic, è avviato sulla stessa strada. Quando si è trattato di scegliere tra i due, Mourinho finora non ha mai avuto dubbi: Cristante non si tocca. Organizzatore di idee, equilibratore di reparti, Bryan è anche uno dei senatori dello spogliatoio.

Scrive Il Corriere dello Sport

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa