Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Nicolò, il testimonial in vista del derby

Zaniolo è il simbolo della Roma in coppa. Assatanato appena ha messo piede in campo contro il Ludogorets

Ecco lo show più atteso. Il più coinvolgente e significativo. Nicolò Zaniolo non si smentisce e, come solo lui sa fare, alza il volume dell’Olimpico nella settimana che si chiuderà con il derby. È il simbolo della Roma in coppa, basta pensare a quella rete straordinaria lo scorso 25 maggio per alzare nella notte di Tirana la Conference contro il Feyenoord. Assatanato appena ha messo piede in campo anche contro il Ludogorets.

In venti minuti del secondo tempo ha ribaltato il risultato conquistando due rigori che, trasformati da capitan Pellegrini. Come se non bastasse, in attesa del recupero, Nico è partito in contropiede e in slalom, ha segnato la sua prima rete stagionale in coppa con tocco delizioso di sinistro e ha finito la corsa nudo sotto la Sud. A braccia aperte per stringere forte i suoi tifosi che cantano a lungo il suo nome.

Il duello, nonostante sia arrivato nella Capitale solo nel 2018, con i tifosi biancocelesti e in assoluto con gli avversari sembra già infinito. E si può dire tranquillamente che abbia sostituito Francesco Totti anche nel ruolo del nemico numero uno per chi tifa Lazio. È, insomma, tempo di Nico.

Si legge sul Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa