Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Due coreografie in una: Olimpico giallorosso

Sarà uno stadio caldo e colorato per il derby

Per vincere il derby serve il cuore caldo e la mente fredda“. Parola di Tiago Pinto, ieri sera ospite dell’evento organizzato dall’Associazione Italiana Roma Club e dall’Unione Tifosi Romanisti. Il general manager giallorosso si è concesso alle domande dei tifosi, naturalmente cominciando dalla stracittadina: “Questa non è una partita come le altrenon giochiamo – con tutto il rispetto – contro l’Empoli. Prima delle sfide contro la Lazio cerchiamo sempre di svolgere il nostro lavoro in maniera normale, ma più ci avviciniamo al match, più sentiamo anche noi il clima derby. Una partita che vogliamo vincere, per i tre punti e per crescere come squadra“.

L’Olimpico si colorerà ancora una volta di giallo e rosso. Non tutto come nelle ultime quindici volte, vista la presenza dei sostenitori biancocelesti, ma al 75%. La Curva Sud sta preparando una grande coreografia per esaltare la squadra di Mourinho. Non staranno a guardare gli altri settori romanisti dell’Olimpico. Perché l’intenzione del club è quella di colorare anche gli altri settori di giallo e rosso con bandierine o cartoncini colorati. L’idea è di creare due coreografie, quella della Curva Sud (organizzata autonomamente) e quella composta della Tribuna Tevere, dai Distinti e dalla Monte Mario Sud. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa