Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tare: “La Conference? Adesso che ci siamo dobbiamo onorarla e cercare di vincerla”

Una precisazione, perché a volte è doveroso. Il d.s. della Lazio Igli Tare torna a esprimersi sulla Conference League. Lo ha fatto qualche settimana fa, durante una lezione alla Luiss di Roma, rispondendo a una domanda provocatoria di un tifoso della Roma, l’ha definitiva: “la competizione dei perdenti“.

Estrapolata così una frase equivocabile, che può quasi sembrare una frecciata ai giallorossi che, nella passata stagione, l’hanno vinta. In realtà l’intento era quello di spiegare che si tratta di una competizione che non è paragonabile alla Champions.

Con la retrocessione della Lazio in Conference, sui social, molti tifosi (soprattutto romanisti), si sono divertiti a riproporre le considerazioni del direttore sportivo biancoceleste. Per questo ora il diretto interessato ha voluto spiegare: “Per la crescita della società sarebbe importante che la Lazio giocasse ogni anno nella massima competizione europea – ha spiegato il dirigente -, ma ora che siamo in Conference voglio che la Lazio la onori fino in fondo. Dobbiamo fare il massimo per vincere. Un trofeo infatti è sempre importante e resta in bacheca per l’eternità”. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

139 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

139 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa