Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Siamo la Roma

PAGELLE – Roma-Lazio 0-1: Roger shock, notte fonda all’Olimpico

La Roma perde il Derby: decide il gol di Felipe Anderson

RUI PATRICIO 6

Nulla può davanti a Felipe Anderson. Ma fa una gran parata nel secondo tempo mantenendo viva la Roma.

Trigoria

MANCINI  5,5

Pronti, via e cartellino giallo. Non che giochi condizionato, ma nemmeno la migliore delle partite. Sostituto all’intervallo.

SMALLING  6

L’unica certezza, l’uomo che non crolla mai. Ma la rapidità di Pedro e Felipe Anderson è un fattore ostico, lui se la cava.

IBANEZ  3

Una follia inattesa, l’errore strutturale che sembrava finita nell’armadio, un eccesso di confidenza e la Lazio trova il vantaggio.

KARSDORP  5,5

Prova a metterci fisico, corsa e attenzione tattica.

CRISTANTE  5

Un lavoro oscuro che risalta poco. Dovrebbe dare più ordine e qualità alla manovra della Roma, si nota poco. Nel secondo tempo sbaglia tanto, anzi troppo.

CAMARA  6

Ruba palla e va in porta, prova a più riprese a dare elettricità alle ripartenze della squadra.

ZALEWSKI  5

Sulla sinistra ha tanto spazio, tante giocate tentate ma non riesce ad incidere come vorrebbe e potrebbe. Una serie di cross rimpallati, prima di uscire dal campo.

PELLEGRINI  5

Troppe giocate del singolo, troppi palloni persi. Derby opaco per il capitano che si fa male: il 2022 rischia di esser finito.

Zaniolo

ZANIOLO 5,5

Una traversa e una buona occasione. Poi tanta corsa, generosità ma poca roba.

ABRAHAM  4,5

Un minuto e avrebbe la palla per sfondare la porta e sbloccare il derby. La risposta del momento dell’inglese è nella conclusione.

CELIK 6

Entra al posto di Mancini e si colloca nel reparto a tre, partecipando molto all’azione.

VOLPATO 6

Entra con la voglia di spaccare il mondo, regala qualche sprazzo di creatività ma non è serata per sognare.

EL SHAARAWY 6

Ci prova con le sue serpentine, ma non riesce ad incidere.

MATIC 6

Impatto positivo, gestisce con qualità i possessi finale ma non è serata.

BELOTTI SV

Entra nel finale.

MOURINHO  5

La Roma il derby semplicemente non lo gioca. Zero idee, zero iniziative dei singoli, semplicemente non pervenuti, davanti ad una Lazio timida e impacciata.

 

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamo la Roma