Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Psicodramma Roma: Belotti sbaglia un rigore, poi Matic evita il ko

Succede di tutto all’Olimpico: Matic salva la Roma dopo l’errore di Belotti

Meglio fermarsi qui. La Roma chiude la prima parte di stagione con un’altra partita inguardabile, non la perde grazie a un gol nel recupero di Matic dopo il rigore appena sbagliato da Belotti, ma non basta neppure per accennare un sorriso.

Nell’ultima gara del 2022 i giallorossi raccolgono un punto triste contro il Torino – il secondo di fila dopo Reggio Emilia – e agganciano l’Atalanta al sesto posto, ma in campo non esistono per settanta minuti e si prendono i meritati fischi dell’Olimpico.

In un pomeriggio buio per i giallorossi la luce la accende Dybala entrando a venti minuti dalla fine, quelle poche energie che l’argentino ha potuto dedicare alla Roma prima di partire per il Mondiale sono bastate a scuotere la squadra.

Paulo si è guadagnato il rigore e ha colpito la traversa da cui è scaturito il gol dell’1-1. Senza la giocata della Joya e il tiro di rabbia di Matic sarebbe arrivata la quarta sconfitta per 1-0 nelle ultime cinque gare giocate in casa. Con Abraham uscito trai fischi al termine di una prestazione desolante e Pellegrini in panchina solo per fare gruppo, Dybala non se l’è sentita di calciare il penalty dopo aver preso un colpo duro da Djidji.

Così il grande ex Belotti ha sistemato il pallone sul dischetto dopo il fischio del contestato Rapuano, che nel frattempo aveva decretato la seconda espulsione stagionale di Mourinho per insulti, ma ha colpito il palo confermando di non essere un rigorista: con quello di ieri siamo a 10 errori su 36 calciati.

Questa Roma va avanti per inerzia, senza movimenti coordinati. E se perde la spinta mentale è una squadra terribilmente piatta. Mourinho continua a dare la colpa alle assenze, Dybala su tutti, ma non vuole spiegare perché una squadra che ha vinto un trofeo europeo senza l’argentino adesso non riesca più a giocare qualche buona partita e, nelle ultime tre, neanche a vincerla. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa