Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La passione non basta se solo Dybala “vede” la porta

L’attacco non gira, solo Dybala vede la porta

Fine della prima parte di stagione. Conclusioni: strano, sembra di essere arrivati piuttosto alla fine di un’epoca. Più che mai adesso è forse utile ricordare che quando si parla di Roma, esistono sempre due piani di lettura. Esiste l’aspetto emotivo, che è insindacabile: un patrimonio di passione che non si estingue né s’intacca, gente che riempie lo stadio anche senza andarci.

L’altro aspetto, l’altro piano di lettura, segnala tuttavia un dramma: la Roma non tira in porta, non gioca a calcio e se lo fa gioca un calcio tutto suo, a modo suo, confuso, sporco, a tratti disperato, privo di movimenti coordinati. Il piano di lettura della realtà dice, in pratica, che in venti minuti, contro il Torino, Dybala ha tirato in porta, vedendola, più volte di quanto non abbia fatto la Roma, senza di lui, in più di un mese. Non si può nascondere un dato così macroscopico. Senza Dybala la Roma non ha percezione offensiva dello sport che pratica.

Con Dybala si anima tutto. E non è possibile che funzioni così: perché così, con un solo uomo che “vede” la porta e con un altro che, nei pochi istanti che gli sono concessi, se non altro ci prova (El Shaarawy), di fatto non funziona niente. Passione, sold out e zero tiri. Dove si va a finire? Lo scrive “La Repubblica”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa