Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Totti: “La Roma merita di tornare in Champions”

Le parole dell’ex capitano giallorosso

Da ambasciatore della Serie A al Mondiale in Qatar, Francesco Totti è stato intervistato da Sky Sport. L’ex capitano giallorosso ha parlato della Roma, di Qatar 2022 e della lotta scudetto in Serie A. Poi ha raccontato anche un aneddoto su Capello.

SUL MONDIALE

“I Mondiali senza l’Italia sono come Roma senza il Colosseo. È inusuale, per noi italiani è più che negativo. Sono cose che accadono e vanno prese nel modo giusto. Seguiremo un Mondiale diverso, ma resta una competizione importante con grandi squadre”.

“Le favorite? Sono sempre le solite: Francia, Brasile, Argentina, Germania e Spagna. Non ce n’è una in particolare, ai Mondiali può succedere di tutto. Giocando a novembre e dicembre, inoltre, non sai come arrivano i giocatori a livello fisico”.

SULLA LOTTA SCUDETTO

“Il campionato italiano è sempre bello, dall’inizio alla fine. Quest’anno il Napoli sta andando oltre le aspettative e sta facendo grandi cose. Dovesse continuare così, le possibilità per le altre squadre di recuperare sarebbero minime. Milan, Inter e Juventus, però, non mollano mai. Fino alla fine sarà un campionato bello e combattivo. Bisogna vedere come torneranno i giocatori dopo il Mondiale. Se il Napoli manterrà questa continuità, però, penso che sarà difficile fermarlo”.

SULLA ROMA

“Spero che la Roma possa risalire e tornare ai vertici. L’obiettivo principale è tornare in Champions League perché è il palcoscenico che merita”.

L’ANEDDOTO SU CAPELLO

“L’altra notte ho sognato Capello. Nel sogno mi chiedeva se fossi pronto per giocare e io ho risposto che non ce la facevo più. Un incubo da ex calciatore”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News