Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Corsie d’emergenza. La Roma sbanda ai lati

Karsdorp

La Roma è in crisi sulle fasce. Dovevano essere il fiore all’occhiello della squadra, si sono rivelati l’anello mancante

Uno. Sommando tra l’altro la voce assist più quella dei gol. Sarebbe già anomalo, dopo 15 partite, per un calciatore che di ruolo fa l’esterno (non il terzino) in una difesa a tre. Figuriamoci se la statistica si allarga a Karsdorp, Celik, Spinazzola e Zalewski.

Dovevano essere il fiore all’occhiello della rosa, si stanno rivelando l’anello mancante. Soprattutto se si rapporta il loro rendimento con quello delle altre big della serie A. L’Inter può annoverare 5reti e 4 assist. Il Napoli, che gioca a quattro dietro, ha un totale di 7 assist e una rete. C’è poi il Milan di Pioli che ha totalizzato 3 assist e 2 reti. Allegri è a quota 8 assist e 1 gol. L’Atalanta ha totalizzato 4 assist e una rete. Anche la Lazio di Sarri che sinora di terzini ne ha impiegati soltanto tre (Marusic, Lazzari e Hysaj) ha collezionato un assist in più (2).

Numeri che evidenziano come uno dei problemi principali sia quello legato alle fasce e anche ad un’altra voce che per un esterno dovrebbe essere il pane quotidiano: il cross. La Roma con i 4 esterni in rosa in 15 gare è riuscita a totalizzarne 74 ma soltanto 14 sono quelli riusciti: nemmeno uno a partita.
Il solo Dimarco nell’Inter ne ha collezionati 78 e 35 sono andati a segno. Vien da sé che per migliorare la manovra offensiva della squadra, serve che il poker giallorosso alzi la qualità e la frequenza delle giocate. Se Karsdorp è pronto a salutare a gennaio (Juventus, Marsiglia e Olanda le probabili destinazioni), l’arrivo di uno tra Bellerin e Odriozola, al momento i due nomi più papabili, potrebbe non bastare. Alla Roma serve un giocatore alla Perisic. Chissà se potrà diventarlo Solbakken. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa