Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo, contatto per il contratto: a dicembre un nuovo incontro

Sarà difficile raggiungere un accordo entro Natale

Il contratto di Nico Zaniolo scadrà il 30 giugno del 2024, in pratica tra diciotto mesi. Si sta parlando del rinnovo già da un paio di stagioni, il tutto inframmezzato dalle voci di mercato che puntualmente coinvolgono il match winner di Tirana. Al punto che l’estate scorsa in molti lo vestirono di altri colori, in particolare il bianconero, per poi essere costretti a fare esilaranti retromarce.

Le parti in causa, Pinto da una parte, il procuratore Vigorelli dall’altra, in questi mesi sono state sempre in ciclico e cordiale contatto, dandosi un generico appuntamento in questa lunga sosta Mondiale per cominciare a mettere sul piatto i numeri per una trattativa.

Il giocatore parte da una richiesta di ingaggio con il quattro (milioni) davanti e la Roma che si ferma a tre abbondanti considerando i bonus. Nei giorni scorsi Pinto ha nuovamente contattato Vigorelli per spiegargli come l’incontro intorno a una scrivania, non potrà esserci prima di dicembre, in quanto il general manager giallorosso seguirà la Roma nell’ormai prossima tournèe in Giappone.

Detto che c’è ottimismo sulla buona riuscita della trattativa, bisogna però anche aggiungere che, considerando l’importanza del contratto da rinnovare, è più che prevedibile che servirà più di un incontro per trovare una quadra che al momento è tutta da verificare. È chiaro, guardandola da entrambi i punti di vista, che più passa il tempo e più il coltello passa nelle mani del giocatore, con un valore del cartellino che progressivamente va a calare (in particolare se Zaniolo continuerà a garantire prestazioni altalenanti). Lo scrive Il Romanista.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa