Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Bacheca del Tifoso

Zazzaroni contro i Friedkin : “Pensano a fare alberghi. La rosa? Più debole di quella di Fonseca”

Il pensiero di Ivan Zazzaroni, direttore de “Il Corriere dello Sport”

Ivan Zazzaroni è intervenuto sul canale Twitch di OCWSPORT e ha svelato alcuni retroscena sul rapporto tra Mourinho ed i Friedkin.

“Rapporto allenatore-proprietà? In linea di massima Mourinho è diventato più aziendalista, sta rispettando molto la proprietà che non lo mette nelle condizioni di giocare come vorrebbe. I Friedkin sembrano essere interessati più a fare altro, probabilmente alberghi a 6 stelle o l’ECA. Quando Mourinho ha firmato con la Roma, 7 giorni dopo l’esonero dal Tottenham, le premesse erano differenti. Mourinho non conosceva nemmeno Vina e Shomurodov quando sono arrivati. In realtà Mou non conosceva nemmeno Tiago Pinto quando è arrivato a Roma. Ha accettato adesso l’arrivo di Solbakken ma in realtà lui voleva un centrale difensivo. Anche lo stesso Dzeko era meglio di Abraham. La rosa attuale dei giallorossi è più debole di quella che aveva Fonseca. Uno come Mourinho, con 25 titoli all’attivo, vale 7-8 volte la Roma sul piano del prestigio. Cosa ha sbagliato Mourinho? Ha la stessa rosa di prima solo con i vari Volpato e Zalewski al posto di gente più esperta. I centrali di difesa non hanno i piedi”.

“Social? Fa una guerra trasversale, pubblica le cose per far vedere che non sta facendo nulla e che è una settimana perduta. Ma non dice nulla per rispetto di una società che non lo sta mettendo nelle condizioni di lavorare”.

“Il calciomercato? La nuova proprietà è sempre presente allo stadio ma non ha mai aperto bocca da quando è arrivata. Sul piano tecnico hanno lasciato piena autonomia a Tiago Pinto ma non so se lui sia in grado di gestire tutto”.

Su Karsdorp: “L’olandese è un giocatore che ha paura costantemente. Con il Sassuolo ha fatto tre rimesse laterali direttamente agli avversari e non marca minimamente Laurienté in occasione del pareggio. È un giocatore scarso. Essendo un professionista pubblico, la critica deve essere pubblica. Mourinho non accetta che un giocatore non dia sempre il massimo. Per lui l’unico modo di chiudere definitivamente con Karsdorp era quello di parlarne con la stampa. Mourinho è un vincente, proprio per questo gli danno del bollito quando non riesce. È un atteggiamento che riserva solo ai più grandi allenatori”.

97 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

97 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Bacheca del Tifoso